Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 26 maggio 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

diritto all’istruzione | 23 Febbraio 2016

Scuola occupata: ipotizzabili la violenza privata e l’interruzione di pubblico servizio

di Attilio Ievolella

Nell’occhio del ciclone uno studente di una scuola superiore. A lui, che assieme ad altri ha realizzato una manifestazione culminata con l’occupazione dell’istituto, contestati i reati di violenza privata e interruzione di pubblico servizio. Decisivo l’atteggiamento tenuto nei confronti dei docenti e degli altri studenti. A salvarlo è il perdono giudiziale.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 7084/16; depositata il 23 febbraio)

A salvarlo il “perdono giudiziale”. Ma ha rischiato tantissimo lo studente di scuola superiore che ha preso possesso dell’istituto, impedendo l’accesso ai docenti e ai ragazzi contrari alla occupazione. Corretta, difatti,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.