POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

astensione del difensore | 30 Novembre 2015

Sciopero delle toghe e sospensione del termine custodiale di fase: fallisce il tentativo di revirement

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

La dichiarazione del difensore di adesione all'astensione dalle udienze proclamata da organismi di categoria non ha contenuto di istanza e costituisce, semmai, una causa di privazione per l'imputato di assistenza tecnica. Da ciò discende la duplice conseguenza del rinvio del procedimento e della sospensione dei termini custodiali. Il periodo di sospensione, però, non si computa ai fini del calcolo del termine di fase.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 47193/15; depositata il 27 novembre)

Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Quinta Penale, con la sentenza n. 47193 depositata il 30 novembre 2015. E' trascorso un anno dal botta e risposta interno alla Cassazione... ma ancora si ripropone il problema...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.