POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 20 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

circostanze aggravanti | 27 Novembre 2015

Non sussiste l’aggravante della destrezza nel furto compiuto a causa dell’assenza di vigilanza sull’oggetto rubato

di Alessandro Ferretti - Professore di Diritto dei Beni Culturali

Per ravvisare l’aggravante della destrezza è necessario l’approfittamento di una qualunque situazione di tempo o di luogo idonea a sviare l’attenzione della persona offesa, distogliendola dal controllo che normalmente viene esercitato sulla cosa al fine di garantirsene il possesso.  

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 46977/15; depositata il 26 novembre)

Così la Cassazione, con la sentenza n. 46977 depositata il 26 novembre 2015. Aggravante della destrezza. Scagli la prima pietra chi non ha lasciato almeno una volta nella vita il portafoglio incustodito in riva al mare prima di fare una bella...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.