POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 23 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PENALE e PROCESSO

concorso di persone nel reato | 25 Settembre 2015

Non configura il favoreggiamento personale l’agevolare consapevolmente, anche con una condotta minima, l’autore di un furto

di Serena Gentile - Avvocato penalista

Il delitto di favoreggiamento personale è configurabile solo nel caso in cui la condotta agevolatrice costituisce un “posterius” rispetto alla commissione del reato. Pertanto, il soggetto diverso dall’esecutore materiale dell’illecito penale che fornisca, anche in minima parte, un contributo consapevole e causalmente rilevante alla realizzazione dell’evento delittuoso non risponde della fattispecie di cui all’art.378 c.p.. In tal caso, infatti, dovranno applicarsi le regole proprie del concorso di persone nel reato.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 38939/15; depositata il 24 settembre)

Con la sentenza 38939/2015 la Corte di Cassazione torna ad evidenziare il discrimen per ritenere configurabile il reato di favoreggiamento personale piuttosto che applicabili le norme in  materia di concorso di persone nel reato. Il caso. La...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.