POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

riforma sistema sanzionatorio | 18 Luglio 2014

Rescissione del giudicato: efficacia immediata ma non retroattiva

  La rescissione del giudicato, come introdotta dalla legge n. 67/2014, può essere richiesta dal condannato o dal sottoposto a misura di sicurezza con sentenza passata in giudicato, contumace per la durata dell’intero processo, se la sua assenza è dipesa da una incolpevole ignoranza della celebrazione del processo, ossia se non ha avuto la prova, né della data dell’udienza, né dell’esistenza del procedimento. Tale nuova disciplina non potrà essere applicata retroattivamente, e quindi non potranno usufruirne i condannati con sentenza irrevocabile prima dell’entrata in vigore della legge n. 67, così è stato deciso dalle Sezioni Unite.

 

Lo affermano le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione nell’informazione provvisoria n. 23 del 17 luglio 2014.
Buone nuove: possibile “tornare indietro” se il contumace condannato non sapeva della celebrazione del processo. E’ intervenuta da poche settimane la legge 28 aprile 2014, n. 67, pubblicata in G.U. n. 100 del 2 maggio 2014, che ha modificato, con efficacia immediata, la disciplina del processo in assenza dell’imputato. La legge ha introdotto la possibilità della rescissione del processo, quando l’assenza del reo sia dovuta ad una incolpevole mancata conoscenza della celebrazione del processo. Nel dettaglio, quando l’imputato-contumace non abbia la prova né della conoscenza della data dell’udienza, né dell’esistenza del procedimento, può ottenere la celebrazione di un nuovo processo, dove poter esercitare il diritto di difesa che era stato limitato nel processo celebrato ingiustamente in sua assenza. La legge tutela, quindi, il condannato che non abbia avuto la possibilità di sapere di essere oggetto di un procedimento penale, a patto che il suo sia un “non sapere” incolpevole.
E’ applicabile retroattivamente l’istituto della rescissione? La Cassazione è stata adita per risolvere il quesito riguardante l’eventuale o meno applicazione retroattiva della nuova legge. In particolare, si chiede, mancando un regime transitorio, se l’istituto della rescissione, previsto dall’art. 625 ter c.p.p., come introdotto dall’art 11 della predetta legge, sia applicabile ai soggetti condannati in processi definiti con sentenza irrevocabile prima dell’entrata in vigore della l. n. 67/2014.
Rispondono le Sezioni Unite: negativo. La Sezioni Unite hanno chiaramente escluso l’applicazione retroattiva: la novità è da applicarsi ai soli procedimenti nei quali è stata dichiarata l’assenza dell’imputato sulla base dell’art. 420 bis c.p.p., anch’esso modificato con la medesima legge. L’informazione provvisoria della Corte Suprema evita che vicende processuali concluse con una condanna definitiva, prima dell’entrata in vigore della citata legge, vengano rimesse in discussione. Le S.U. hanno, così, bilanciato i principi, caposaldo in materia, quali l’irretroattività della nuova legge processuale e l’efficacia immediata della novità. 



Qui l’informazione provvisoria n. 23 delle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione del 17 luglio 2014