POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 21 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

omicidio | 31 Ottobre 2013

Delitto di Garlasco, troppe ombre sull’assoluzione di Stasi

A distanza di sei anni dalla morte di Chiara Poggi, ancora in discussione la posizione dell’allora fidanzato, Alberto Stasi, unico sotto accusa per omicidio volontaria. Azzerata l’assoluzione pronunziata in secondo grado. Per i giudici della Cassazione è stata erronea la visione del materiale indiziario da parte del giudice di merito, anche per il mancato approfondimento su elementi di sicuro rilievo, come le incongruenze nel racconto di Stasi.

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 44324/13; depositata il 31 ottobre)

Troppi coni d’ombra, troppi angoli bui, troppi interrogativi lasciati in sospeso, troppi dubbi ancora non sciolti. Volendo usare una metafora, la vicenda è ancora tutta da mettere a fuoco. Unico dato indiscutibile, purtroppo, è...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.