POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 07 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

SENATO | 15 Dicembre 2005

Caso Antonveneta: per Palazzo Madama i giudici milanesi sono stati "abbastanza convincenti"

È il senso della relazione adottata dalla Giunta per le immunità. Nondimeno, però, si sottolinea che le intercettazioni senza autorizzazione (che "coinvolgono" parlamentari) vanno sempre distrutte

(Relazione della giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari sull'applicabilità dell'art. 6 della legge n. 140/03, in ordine all'utilizzo di intercettazioni di conversazioni telefoniche autorizzate nell'ambito del procedimento penale 19195/05)

La linea seguita dai magistrati inquirenti nella vicenda Antonveneta è "abbastanza convincente". La Giunta per le immunità parlamentari del Senato ha votato la relazione, a firma del presidente Giovanni Crema che di fatto risponde al quesito fondamentale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.