POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 27 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

CASSAZIONE | 28 Ottobre 2005

Dietro front sugli smarrimenti "di comodo" dei libretti di circolazione: è falso ideologico

Se la denuncia si dimostra infondata si va nel penale (articolo 483 Cp) perché l'atto costituisce il presupposto necessario per il rilascio dei duplicati e dunque è una dichiarazione a contenuto probatorio

(Sezione quinta (up), sentenza n.36643/05; depositata l'11 ottobre)

La falsa denuncia di smarrimento del certificato di proprietà di un'auto integra il reato di falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico, previsto dall'articolo 483 del Codice penale. Per i giudici della quinta sezione penale della Cassazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.