POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 09 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 27 Gennaio 2021

Valida la richiesta risarcitoria pervenuta all’assicuratore anche fuori dalle forme richieste quando…

esso ne sia venuto a conoscenza aliunde

di La Redazione

La giurisprudenza ammette che l’onere imposto al danneggiato di cui all’art. 148 del Codice delle Assicurazioni Private possa ritenersi soddisfatto anche con atti equipollenti alla raccomandata purché siano altrettanto idonei al soddisfacimento dello scopo perseguito, cioè quello di consentire all’assicuratore di valutare l’opportunità di un accordo con il danneggiato e prevenire domande giudiziali premature.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza n. 1699/21; depositata il 26 gennaio)

Questo il contenuto dell’ordinanza della Suprema Corte n. 1699/21, depositata il 26 gennaio.   A seguito di un sinistro stradale, il danneggiante veniva assolto dal reato di cui all’art. 590 c.p. dal Giudice di Pace. A seguito...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.