POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 28 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

arricchimento senza giusta causa | 17 Novembre 2020

Acquisto di un bene senza assunzione dell’impegno di spesa: chi è obbligato alla controprestazione?

di La Redazione

Nel caso in cui un ente locale acquisti beni o servizi senza la contestuale assunzione dell’impegno di spesa, l’obbligo di corrispondere la controprestazione sorge in capo all’ente solo nella misura in cui il debito sia stato riconosciuto fuori bilancio mentre, per la restante parte, grava su chi ha consentito la fornitura, escludendosi in ogni caso l’esperibilità dell’azione di ingiustificato arricchimento nei confronti della P.A..  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 25870/20; depositata il 16 novembre)

Questo l’oggetto dell’ordinanza della Suprema Corte n. 25870/20, depositata il 16 novembre.   L’attore conveniva in giudizio il Comune di Firenzuola, chiedendone la condanna al pagamento di una certa somma a titolo di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.