POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 13 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 12 Novembre 2019

Strada pedonale rifatta a norma: il Comune avrebbe potuto fare di più ma ciò non basta ad addebitargli la caduta di una passante

di La Redazione

Respinta la richiesta di risarcimento avanzata da una donna. A suo dire il capitombolo è stato provocato dalla eccessiva pendenza e dai materiali. Questa visione è però smentita dalla relazione del consulente tecnico che cancella ogni ipotesi di colpa dell’ente locale.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile - 3, ordinanza n. 29302/19; depositata il 12 novembre)

Brutta scivolata per una donna, che durante una passeggiata nel centro storico del paese viene tradita dalla pavimentazione in discesa e finisce rovinosamente a terra. Sotto accusa, a suo dire, il Comune per non avere realizzato una strada pedonale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.