POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 24 Maggio 2019

Nessun indennizzo per la raccomandata restituita oltre il decimo giorno, se spedita dal legale in proprio

di Ilaria Pietroletti - Avvocato

Quando un atto giudiziario è notificato dall’avvocato debitamente autorizzato, si applica l’art. 6 l. n. 890/1982: se l’avviso di ricevimento viene restituito oltre il decimo giorno lavorativo non è previsto alcun indennizzo, trattandosi di un obbligo accessorio dell’ente Poste, che ben può essere soddisfatto mediante il rilascio gratuito di un duplicato.                                                                                                

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza n. 13962/19; depositata il 23 maggio)

Questo il principio espresso dalla terza sezione civile della Corte di Cassazione che, con l’ordinanza n. 13962/19 del 23 maggio, si è pronunciata sulla richiesta di risarcimento danni avanzata da un legale, con riferimento ad alcuni disservizi...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.