POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 15 Maggio 2018

Malattia da esposizione ad amianto: riconosciuta l’indennità una tantum anche per gli eredi

Con un decreto interministeriale del 24 aprile 2018 il Ministero del Lavoro e il Ministero dell’Economia hanno esteso la possibilità di ottenere l’indennità una tantum per gli anni 2018-2020 non solo per i malati di mesotelioma a causa di attività lavorativa con esposizione all’amianto o esposizione ambientale, ma anche per i loro eredi.

Il decreto interministeriale del 24 aprile 2018 del Ministero del Lavoro e del Ministero dell’Economia si occupa della «determinazione della misura e le modalità per l’accesso alla prestazione, a favore dei malati di mesotelioma non professionale e ai loro eredi per il triennio 2018-2020».

La prestazione una tantum. L’art. 1 del decreto definisce la misura della prestazione economica a favore dei malati di mesotelioma non professionale e dei loro eredi. In particolare si dispone che l’INAIL eroga una prestazione una tantum pari a 5.600 euro, per ciascuno degli anni del triennio, a coloro che abbiano contratto la patologia per esposizione ambientale o per esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell’amianto, nel rispetto dei limiti di spesa. Viene, inoltre, attribuita la stessa possibilità agli eredi in caso di decesso per mesotelioma del de cuius.
I successivi articoli del decreto si occupano delle modalità di presentazione dell’istanza di accesso alla prestazione da parte dei malati o degli eredi.

 



Qui il decreto interministeriale del 24 aprile 2018