POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 19 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 15 Dicembre 2017

Per le frasi offensive contenute negli atti del processo non sempre scatta il risarcimento dei danni

di Rosa Villani - Avvocato

L’istanza di cancellazione di frasi offensive e denigratorie contenute in un atto difensivo del giudizio ex art. 89 c.p.c. costituisce una mera sollecitazione per il Giudice che conserva sul punto un potere meramente discrezionale il cui mancato esercizio non può formare oggetto di impugnazione né possibilità di richiedere il risarcimento dei danni. 

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 30057/17; depositata il 14 dicembre)

E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione con ordinanza n. 30057 depositata il 14 dicembre 2017. Il fatto. Un avvocato proponeva ricorso per Cassazione nei confronti del proprio cliente avverso la sentenza della Corte distrettuale territorialmente...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.