Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 15 Dicembre 2017

L’equiparazione fra sosta e circolazione dei veicoli

di Giuseppe Davide Giagnotti - Avvocato

Affinché un veicolo si possa considerare circolante, è del tutto indifferente che lo stesso sia in marcia oppure in sosta, purché si trovi su strada o area pubblica ad essa pertinente o comunque in un luogo deputato allo svolgimento del traffico veicolare. Pur essendo indubbio che la sosta di un veicolo a motore possa essere astrattamente ricompresa nel concetto di circolazione, è necessario stabilire se la causa del sinistro sia eziologicamente collegabile ad essa; diversamente, ove questo risulti determinato da una causa autonoma e sufficiente, estranea alla circolazione, non trovano applicazione né le norme in materia di circolazione dei veicoli, né tantomeno quelle inerenti la garanzia dell’assicurazione obbligatoria.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza n. 30075/17; depositata il 14 dicembre)

Questi i principi affermati dalla Corte Suprema di Cassazione, Sesta Sezione Civile, con l’ordinanza n. 30075/17, depositata il 14 dicembre 2017. Il fatto. La genesi della vicenda si riscontra in un procedimento, a suo tempo instaurato dal...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.