Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 26 giugno 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 23 Febbraio 2016

Comandante ucciso dall’agente in un’agenzia ippica: responsabile il Ministero

Confermato il risarcimento a favore della moglie e dei figli della vittima. Inadeguata la gestione della vicenda relativa all’agente, che, quel giorno, pur manifestando problemi psico-fisici, si era potuto allontanare dalla casa circondariale portando con sé l’arma d’ordinanza.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 3506/16; depositata il 23 febbraio)

Colpi di pistola in un’agenzia ippica. Ucciso il comandante del Corpo degli agenti di custodia operativo nella locale casa circondariale. A sparare è stato un poliziotto penitenziario in servizio nella stessa struttura. Ricostruiti nei...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.