Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 20 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 31 Luglio 2015

L’istituto di vigilanza che non ha impedito il furto deve risarcire il contraente per gli oggetti rubati o danneggiati

di Andrea Paganini - Avvocato

  Con riferimento a un contratto di servizio di vigilanza privata, in mancanza di una diversa disposizione contrattuale, la responsabilità dell’istituto di vigilanza che abbia omesso di adottare le misure convenute o comunque necessarie a sventare tempestivamente un furto subito dal contraente si estende all’intero contenuto dell’abitazione da proteggere ed obbliga il responsabile al risarcimento dei danni commisurati al valore dei beni danneggiati o sottratti, siano questi di proprietà del contraente, o di taluno dei componenti del suo nucleo familiare o con lui conviventi od anche di proprietà di terzi, nei confronti dei quali il contraente possa essere chiamato a rispondere.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 16195/15; depositata il 30 luglio)

  Così si è espressa la Corte di Cassazione nella pronuncia n. 16195, depositata il 30 luglio 2015. Il caso. Il proprietario di un appartamento si avvaleva di un servizio di vigilanza notturna prestato da una società...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.