POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
RESPONSABILITÀ CIVILE e ASSICURAZIONI

risarcimento danni | 13 Febbraio 2015

L’IVA da detrarre non va risarcita

di Andrea Greco - Avvocato

  Deve essere considerata attività inerente l'esercizio di impresa, ai sensi dell'art. 4 d.p.r. n. 633/1972 (con conseguente assoggettabilità alla disciplina in materia di IVA), quella effettuata da una società per azioni per la riparazione di un bene strumentale danneggiato. Ne consegue che nel liquidare il danno patito da siffatta società e consistito nei compensi erogati a terzi per la riparazione, il giudice non deve tenere conto di quanto da essa pagato a titolo di IVA, trattandosi di importo che questa può detrarre dal proprio debito d'imposta.

(Corte di Cassazione, sez. IV Civile – 3, ordinanza n. 2786/15; depositata il 12 febbraio)

  Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza n. 2786, depositata il 12 febbraio 2015. La vicenda processuale. Una società proponeva opposizione contro un decreto ingiuntivo emesso dal Giudice di Pace. Il procedimento monitorio...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.