POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 07 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

crisi d’impresa | 16 Febbraio 2021

Rapporto tra espropriazione presso terzi e concordato preventivo

di Ilaria Pietroletti - Avvocato

Nel concordato preventivo non trova applicazione il meccanismo dello spossessamento: il debitore conserva l’amministrazione dei suoi beni e l’esercizio dell’impresa, sicchè è legittimo il pagamento effettuato dal debitor debitoris in esito a pignoramento presso terzi trascritto prima della pubblicazione della domanda di concordato preventivo, purchè l’ordinanza di assegnazione ex art. 533 c.p.c. sia anch’essa antecedente a detta pubblicazione.  

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 3850/21; depositata il 15 febbraio)

Questo il principio di diritto espresso dalla Suprema Corte, sez. I Civile, sentenza n. 3850/21, che ha fornito una puntuale ricostruzione della giurisprudenza formatasi in materia e chiarito la differenza tra i poteri concessi al fallito, rispetto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.