POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 11 Ottobre 2019

Quali sono gli “atti di frode” rilevanti per la revoca del concordato?

di Vincenzo Papagni

Il decisum in rassegna offre lo spunto per analizzare la nozione di “atti di frode”, quale figura non tipizzata e residuale di revoca del concordato, ai sensi dell’art. 173, l. fall. E, i Giudici della Prima sezione civile di Piazza Cavour, con la sentenza n. 25458/19, depositata il 10 ottobre 2019, conformandosi ai precedenti di legittimità intervenuti in materia, (v., da ultimo, Cass., 30537/18), chiariscono che, a tratto costitutivo e informante della nozione di “atto in frode” si pongono due aspetti…

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 25458/19; depositata il 10 ottobre)

… In primis, deve trattarsi di una circostanza la cui esistenza viene taciuta nella sua materialità ovvero pure esposta in modo non adeguato e compiuto, come successivamente venuta alla luce in esito alle verifiche ed analisi compiute...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.