POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

procedure concorsuali | 16 Aprile 2019

La sentenza straniera che non rispetti la par condicio creditorum viola l’ordine pubblico?

di Vincenzo Papagni

Il decisum in esame affronta la problematica del riconoscimento di una decisione straniera nell’ipotesi di condanna nei confronti di società sottoposte ad una procedura concorsuale. Nello specifico si tratta di stabilire se il procedimento di accertamento dello stato passivo costituisca, o meno, l’unica modalità consentita per accertare eventuali ragioni di credito ammesse in sede concorsuale.  

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 10540/19; depositata il 15 aprile)

E, i giudici della Prima Sezione civile di Piazza Cavour, con la sentenza n. 10540 del 15 aprile 2019, richiamando in primis un recente grand arret  delle Sezioni Unite (v., SS.UU., 16601/2017) precisano che la nozione di ordine pubblico ostativa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.