POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

abuso di informazioni privilegiate | 17 Settembre 2018

Abusi di mercato: in G.U. il decreto che adegua la normativa nazionale al MAR

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 214 del 14 settembre il decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 107, recante norme di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato (c.d. Regolamento MAR).  

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 214 del 14 settembre il decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 107, recante norme di adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) n. 596/2014 relativo agli abusi di mercato (c.d. Regolamento MAR), e che abroga la direttiva 2003/6/CE e le direttive 2003/124/UE, 2003/125/CE e 2004/72/CE.
Il decreto, approvato lo scorso 8 agosto, entra in vigore il prossimo 29 settembre.

 

Diverse le modifiche al TUF. In particolare, viene riscritto l’art. 187-terdecies, in tema di applicazione ed esecuzione delle sanzioni penali ed amministrative, per tenere conto del doppio binario sanzionatorio: la nuova norma prevede, infatti, che quando «per lo stesso fatto è stata applicata, a carico del reo, dell'autore della violazione o dell'ente una sanzione amministrativa pecuniaria”, ex art. 187-septies, ovvero una sanzione penale o una sanzione amministrativa dipendente da reato, l’autorità giudiziaria o la Consob devono tenere conto, al momento dell'irrogazione delle sanzioni di propria competenza, delle misure punitive già irrogate. Inoltre, l'esazione della pena pecuniaria, della sanzione pecuniaria dipendente da reato ovvero della sanzione pecuniaria amministrativa è limitata alla parte eccedente quella riscossa, rispettivamente, dall’autorità amministrativa ovvero da quella giudiziaria.

 

(Fonte: ilsocietario.it)

 



Qui il decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 107; in G.U. 14 settembre 2018, n. 214