POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 16 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 13 Settembre 2018

Insinuazione al passivo del credito della banca: posizione di terzietà del curatore e oneri probatori

La banca nell’insinuare al passivo fallimentare il credito derivante dal saldo negativo di conto corrente ha l’onere di depositare gli estratti conto integrali. Il curatore, poi, ha l’onere di eseguire le verifiche e di sollevare specifiche contestazioni, che, se rilevate, comportano l’onere ulteriore dell’istituto di credito di dare prova del credito relativamente alle contestazioni sollevate. In caso di mancate contestazioni del curatore, quale è il ruolo del giudice delegato o, in sede di opposizione del Tribunale?

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza n. 22208/18; depositata il 12 settembre)

Sul tema la Cassazione con ordinanza n. 22208/18, depositata il 12 settembre.   Il caso. Il Tribunale rigettava l’opposizione proposta da una banca contro la mancata ammissione al passivo del credito da essa vantato nei confronti...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.