POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

procedure concorsuali | 29 Giugno 2018

Concordato fallimentare: la società proponente (e le correlate) hanno diritto di voto?

di Vincenzo Papagni

Il decisum in commento affronta una questione di particolare importanza  nel concordato fallimentare relativa alla spettanza del diritto di voto al creditore proponente o ad altre parti creditrici a lui correlate. In particolare è pregiudiziale stabilire se al creditore che abbia presentato la proposta di concordato spetti o meno il diritto di voto ai fini della sua approvazione.  

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 17186/18; depositata il 28 giugno)

Le Sezioni Unite con sentenza n. 17186/18; depositata il 28 giugno 2018 chiariscono che tra chi formula la proposta di concordato (così come, del resto, una qualsiasi proposta contrattuale) e i creditori che tale proposta sono chiamati ad accettare...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.