Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 12 dicembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

società di capitali | 06 Dicembre 2017

Responsabilità della capogruppo: non è richiesta la preventiva escussione della società controllata da parte dei soci danneggiati

di Gianluca Tarantino - Avvocato e dottore di ricerca in diritto dell'economia

L’art. 2497, comma 3, c.c., non prevede una condizione di procedibilità dell’azione contro la società che esercita l’attività di direzione e coordinamento, costituita dalla infruttuosa escussione, da parte del socio della società controllata, del patrimonio di questa o della previa formale richiesta risarcitoria ad essa rivolta, avendo il legislatore posto unicamente in capo alla società capogruppo l’obbligo di risarcire i soci esterni danneggiati dall’abuso di direzione e coordinamento della società capogruppo.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 29139/17; depositata il 5 dicembre)

Con la sentenza n. 29139 del 5 dicembre 2017, il S.C. interviene sul tema dei gruppi di società e chiarisce un importante profilo relativo alla responsabilità di cui all’art. 2497 c.c., chiarendo che non è necessaria la preventiva...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.