Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 24 ottobre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 05 Giugno 2017

La decisione sulle domande tardive deve necessariamente essere unitaria?

di Vincenzo Papagni

Il decisum in commento affronta il tema delle insinuazioni tardive al passivo fallimentare, ai sensi dell’art. 101 l.fall..

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 13886/17; depositata il 1° giugno)

Nello specifico, si tratta di stabilire se il procedimento per la trattazione delle domande tardive debba essere unitario, escludendosi l’approvazione frazionata dello stato passivo, oppure se sia possibile procedere a successive approvazioni...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.