Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 30 maggio 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

concordato preventivo | 05 Maggio 2017

Senza l’attestazione della veridicità dei dati aziendali è possibile l’omologazione del concordato?

di Vincenzo Papagni

La pronuncia in commento affronta il tema delle condizioni prescritte dalla legge fallimentare per l’ammissibilità del concordato preventivo. Nello specifico si tratta di stabilire se, in caso di inattendibilità dell’attestazione formulata dal professionista, il tribunale possa, o meno, omologare la proposta concordataria.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 10826/17; depositata il 4 maggio)

E, i Giudici della I Sezione Civile di Piazza Cavour, con la sentenza n. 10826 depositata il 4 maggio 2017, richiamando un non lontano grand arrêt delle Sezioni Unite (v., SS.UU. n. 9935/15), precisano che tra le condizioni prescritte per l’ammissibilità...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.