POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 19 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 01 Febbraio 2017

La Camera ha approvato il ddl delega sulla crisi d’impresa

L’Aula della Camera ha approvato, nella mattinata del 1° febbraio, il disegno di legge delega al Governo per la riforma delle disciplina della crisi d’impresa e dell’insolvenza. Il testo, che prevede, tra l’altro, l’abbandono del termine stigmatizzante “fallimento”, passa ora all’esame del Senato.

La Camera dei Deputati ha approvato in prima lettura, durante la seduta del 1° febbraio, il disegno di legge delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza.

La soddisfazione del Ministro della Giustizia. Tra le disposizioni inserite nel testo, viene proposto l’abbandono del termine “fallimento”, come peraltro già accade in Francia, Germania e Spagna. Come si legge nel comunicato pubblicato sul sito del Ministero della Giustizia tale espressione «si accompagna spesso alla stigmatizzazione sociale e al discredito anche personale conseguente all’esito imprenditoriale sfortunato».
Il Guardasigilli Andrea Orlando ha commentato: «si tratta di un primo passo importantissimo verso l'approvazione definitiva di una riforma che finalmente modernizza un sistema vecchio di 74 anni. Con questo provvedimento si anticipano le procedure di allerta, si cerca di prevenire il rischio default quando è ancora possibile e si colma la lacuna che riguardava i gruppi di imprese: insomma, si contribuisce fondamentalmente alla competitività del Paese, che così si allinea ai criteri che, in materia, ispirano gli altri Stati europei. Mi auguro che il testo possa essere presto licenziato anche dal Senato».