POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 19 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

azione di responsabilità | 29 Agosto 2016

Gli amministratori della s.r.l. non sfuggono all’azione del curatore

In tema di s.r.l., la riforma societaria di cui al d.lgs. n. 6/2003, pur in assenza del richiamo alle norme di materia di s.p.a., non ha prodotto alcun effetto abrogativo circa la legittimazione del curatore fallimentare ex art. 146 l.fall. nei confronti degli amministratori della s.r.l. fallita.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 17359/16; depositata il 26 agosto)

Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 17359/2016, depositata il 26 agosto.

La vicenda. La Corte d’appello di Napoli accoglieva l’impugnazione proposta dagli amministratori di una s.r.l. che, su istanza del curatore del fallimento, erano stati condannati dal giudice di prime cure al risarcimento dei danni subiti dalla società fallita a causa di gravi illeciti riscontrati a loro carico. In particolare, i giudici partenopei ritenevano fondata la doglianza con cui i convenuti sostenevano la carenza di legittimazione attiva del curatore ad esercitare l’azione di responsabilità dei creditori sociali nei confronti degli amministratori della s.r.l. per effetto della riforma societaria di cui al d.lgs. n. 6/2003.
Avverso tale pronuncia propone ricorso per cassazione il Fallimento sostenendo che l’intervento riformatore non ha prodotto alcun effetto abrogativo e che, in base all’applicazione analogica dell’art. 2394 c.c., non può negarsi la legittimazione attiva del curatore nei confronti degli amministratori di s.r.l..

La legittimazione attiva del curatore di s.r.l.. La Suprema Corte accoglie il ricorso così formulato richiamando la sentenza n. 17121/2010 con la quale affermava che, in tema di responsabilità degli amministratori di s.r.l., la riforma societaria di cui al d.lgs. n. 6/2003, pur in assenza del richiamo alle norme di materia di s.p.a., non ha prodotto alcun effetto abrogativo sulla legittimazione ex art. 146 l. fall. del curatore di una s.r.l. fallita.
Tale norma, come riformulata dal d.lgs. n. 5/2006, attribuisce al curatore qualsiasi azione di responsabilità contro amministratori, organi di controllo, direttori generali e liquidatori di società: ogni azione dunque esercitabile dai soci o dai creditori nei confronti degli amministratori, indipendentemente dallo specifico richiamo agli artt. 2393 e 2394 c.c.. Ne consegue che, come precisano i Giudici di legittimità, anche laddove si ritenga che ai creditori di s.r.l. non siano legittimati ex art. 2393 c.c. nei confronti degli amministratori, il curatore potrebbe comunque esercitare l’azione di responsabilità ai sensi dell’art. 2043 c.c..
In conclusione, la S.C. accoglie il ricorso e cassa la sentenza impugnata con rinvio alla Corte d’appello di Napoli in diversa composizione.

(Fonte: www.ilfallimentarista.it)