POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
SOCIETÀ e FALLIMENTO

contributo unificato | 14 Aprile 2016

Procedure concorsuali: il Ministero detta le istruzioni sul contributo unificato

    Con la circolare diffusa in data 1 aprile 2016, il Ministero della Giustizia ha risposto ai numerosi quesiti giunti alla Direzione generale della Giustizia Civile e relativi al contributo unificato per le opposizioni allo stato passivo fallimentare per le diverse fasi processuali.

 

Contributo unificato per la procedura concorsuale. In primo luogo la circolare ricorda che la materia è disciplinata dagli artt. 9 e 13 d.P.R. n. 115/2002, dal cui testo emerge come il legislatore, dopo aver previsto l’obbligo di versamento del contributo unificato per la procedura concorsuale, ha indicato l’ammontare dovuto unicamente «per la procedura fallimentare», definita come quella che va «dalla sentenza dichiarativa di fallimento alla chiusura».
Di conseguenza, non rientrano nella previsione normativa in esame la fase istruttoria prefallimentare, la procedura di opposizione allo stato passivo fallimentare e tutte le fasi giudiziali delle altre procedure concorsuali.
In tale contesto normativo, diversi sono stati gli approcci interpretativi da parte degli uffici giudiziari ma la Direzione Generale del Ministero ha ritenuto opportuno uniformare l’approccio della prassi operativa al riguardo. La Circolare precisa che il versamento del contributo unificato di iscrizione a ruolo è dovuto per ciascun grado di giudizio che abbia natura giurisdizionale, secondo i criteri individuati dall’art. 13 d.P.R. n. 115/2002, basati rispettivamente sul valore della domanda (come risulta da apposita dichiarazione resa dalla parte nelle conclusioni dell’atto introduttivo) e sulla materia o natura del procedimento.

Il controllo dell’Ufficio giudiziario. L’ufficio giudiziario è tenuto al controllo sul versamento del contributo unificato versato secondo le disposizioni dell’art. 15 e, in particolare, deve verificare l’esistenza della dichiarazione del valore della causa oggetto della domanda, la ricevuta del versamento e la corrispondenza dell’importo versato allo scaglione di valore della causa.

Ammontare del contributo. Riassumendo, per la procedura fallimentare (intercorrente tra la sentenza dichiarativa di fallimento e la chiusura) il contributo unificato è dovuto in misura fissa pari a euro 851,00 (art. 13, comma 5, d.P.R. n. 115/2002). Per le fasi endoprocessuali, nonché per quelle di natura giurisdizionale delle altre procedure concorsuali, dovrà farsi riferimento alla dichiarazione di valore del difensore (art. 14, d.P.R. 151/2002) al momento dell’individuazione del giudice competente a decidere sulla domanda proposta e al tipo di procedura azionata.



Qui la circolare del Ministero della Giustizia dell’1 aprile 2016