POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 14 Aprile 2015

Se il giudizio per accertare il credito è ancora pendente, l’unico modo per evitare la decadenza è l’ammissione al passivo con riserva

Il creditore che intenda far valere nel fallimento un credito oggetto di accertamento in un procedimento pendente in appello, può evitare di incorrere nella decadenza prescritta dall’art. 101, ultimo comma, l. fall. solo chiedendone l’ammissione con riserva non oltre il termine di 12 mesi dalla dichiarazione di esecutività dello stato passivo.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza n. 7426/15; depositata il 13 aprile)

Lo ha affermato la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 7426/15 depositata il 13 aprile. Il caso. Il Tribunale di Santa Maria C.V., condividendo il provvedimento del giudice delegato, respingeva con decreto l’opposizione allo stato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.