POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 19 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

fallimento | 09 Aprile 2015

I pagamenti ricevuti dal fallito sono inefficaci solo oltre i limiti di quanto necessario al suo mantenimento

  L’inefficacia per i creditori, ex art. 44, comma 2, l.fall., dei pagamenti ricevuti dal fallito dopo la sentenza dichiarativa di fallimento a titolo di stipendi, pensioni, salari ed altri emolumenti di cui all’art. 46, comma 1, n. 2 l.fall., riguarda solo gli importi eccedenti i limiti di quanto necessario al mantenimento suo e della sua famiglia: se il giudice delegato non ha fissato tali limiti, per poter agire al fine di far accertare l’inefficacia dei pagamenti rispetto ai creditori il curatore ha l’onere di richiedere preventivamente al giudice la pronuncia del decreto ex art. 46, comma 2, l. fall. 

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 6999/15; depositata l’8 aprile)

  E’ il principio affermato dalla Cassazione, con la sentenza n. 6999 depositata l’8 aprile 2015. Il caso. La curatela del fallimento di un imprenditore chiedeva al Tribunale di accertare l’inefficacia, ex art. 44 l.fall.,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.