POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
SOCIETÀ e FALLIMENTO

diritto di indennità  | 11 Giugno 2012

Al conduttore non spetta l’avviamento se l’immobile non è collettore di clientela

di Stefano Liso

  Il diritto del conduttore di un immobile ad uso diverso da quello abitativo all’indennità per la perdita dell’avviamento soggiace alla prova che il locale sia un luogo aperto alla frequentazione indistinta della generalità dei consumatori, sì da essere esso stesso collettore di clientela e fattore di avviamento. 

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 9305/12; depositata l’8 giugno)

  Significativo al riguardo è che l’immobile locato sia destinato al contatto con il pubblico e alla sua ontologica predisposizione alla frequentazione diretta ed indifferenziata di clienti che abbiano necessità e interesse...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.