POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 07 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 21 Gennaio 2021

Fate la pace…fiscale, non previdenziale

di Martina Tonetti - Avvocato

A seguito del d.l. n. 98/2011, convertito in l. n. 143/2013, si è in presenza di un sistema di accertamento, liquidazione e riscossione comune ai rapporti previdenziale e tributario, in cui gli atti di accertamento disposti dall’agenzia delle Entrate costituiscono atti di esercizio anche del rapporto previdenziale, sicchè l’accertamento esperito in sede tributaria estende i suoi effetti sulla pretesa previdenziale di INPS, qualora l’Istituto lo invochi a sostegno della propria pretesa e qualora il contribuente non ne contesti l’esito con prove di segno contrario.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 950/21; depositata il 20 gennaio)

Così ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza n. 950/2021, depositata il 20 gennaio 2021, che si colloca inequivocabilmente nel solco già segnato dalle recenti sentenze Cass., 13463/2017 e Cass., 19640/2018.   Quando...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.