POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 12 Ottobre 2020

Tutela previdenziale e quarantena da Coronavirus, il punto dell’INPS

di La Redazione

L'INPS riepiloga i principali casi di non spettanza della tutela previdenziale della malattia per i lavoratori che si trovano in quarantena o in sorveglianza precauzionale (Mess. INPS 9 ottobre 2020 n. 3653).

L'INPS ha fornito un chiarimento e indicazioni operative in materia di tutela previdenziale della malattia.

 

Riportiamo nella tabella sottostante i pricipali casi di quarantena del lavoratore, per comprendere se - per questo periodo - sia possibile ricorrere alla tutela previdenziale della malattia o della degenza ospedaliera così come previsto dal Decreto Cura Italia (art. 26 DL 18/2020 conv. L. 27/2020).

Fattispecie

Riconoscimento tutela della quarantena (art. 26 DL 18/2020 conv. L. 27/2020)

Motivazione

Quarantena e sorveglianza precauzionale per i soggetti fragili (*)

NO

Non si configura un'incapacità temporanea al lavoro per una patologia in fase acuta tale da impedire in assoluto lo svolgimento dell'attività lavorativa (presupposto per il riconoscimento della tutela previdenziale della malattia comune), ma situazioni di rischio per il lavoratore e per la collettività che il legislatore ha inteso tutelare equiparando, ai fini del trattamento economico, tali fattispecie alla malattia e alla degenza ospedaliera. Pertanto, nei casi in cui gli interessati continuino a svolgere (in accordo col datore di lavoro) la loro prestazione lavorativa da casa, non è possibile ricorrere alla tutela previdenziale della malattia: in tale circostanza, infatti, non ha luogo la sospensione dell'attività lavorativa con la correlata retribuzione.

Quarantena per ordinanza amministrativa

NO

In tutti i casi di ordinanze o provvedimenti di autorità amministrative che di fatto impediscano ai soggetti di svolgere la propria attività lavorativa non è possibile procedere con il riconoscimento della tutela della quarantena, in quanto la stessa prevede un provvedimento dell'operatore di sanità pubblica.

Quarantena all'estero

NO

Lavoratore destinatario di un trattamento di integrazione salariale

NO

L'integrazione salariale determina di per sé la sospensione degli obblighi contrattuali con l'azienda, comportando il venir meno della possibilità di poter richiedere la specifica tutela prevista in caso di evento di malattia: si tratta infatti del principio della prevalenza del trattamento di integrazione salariale sull'indennità di malattia (art. 3, c. 7, D.Lgs 148/2015).

(*) In caso di malattia conclamata il lavoratore è invece temporaneamente incapace al lavoro, con diritto ad accedere alla corrispondente prestazione di malattia, compensativa della perdita di guadagno.

 

(Fonte: mementopiù.it)



Qui il messaggio dell’INPS del 9 ottobre 2020, n. 3653