POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 25 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 04 Agosto 2020

Cassetto Previdenziale per i liberi professionisti: nuove funzionalità

di La Redazione

Il Cassetto Previdenziale per i liberi professionisti iscritti alla Gestione separata è stato implementato con nuove funzionalità per comunicazioni specifiche di componenti di studi associati, per la presentazione di domande di rimborso e per l'aggiornamento dei contatti (mess. INPS 31 luglio 2020 n. 3019).  

Il Cassetto Previdenziale per i liberi professionisti iscritti alla Gestione separata è stato implementato con nuove funzionalità per comunicazioni specifiche di componenti di studi associati, per la presentazione di domande di rimborso e per l'aggiornamento dei contatti.

Nella domanda di prima iscrizione come professionista, deve essere eventualmente specificato lo status di componente di un'associazione tra professionisti o di una società semplice (art. 53 DPR 917/86), con indicazione del relativo codice fiscale.

Grazie alla nuova funzionalità, nel caso in cui la partecipazione a un'associazione tra professionisti o società semplice intervenga dopo l'istanza di iscrizione alla Gestione separata effettuata dal contribuente, è possibile aggiornare l'iscrizione inserendo:

- la partita IVA dell'associazione tra professionisti o società semplice;

- la data di inizio della partecipazione nell'associazione tra professionisti o nella società semplice;

- la data di fine partecipazione nell'associazione tra professionisti o nella società semplice.

Alla funzionalità si accede dalla voce di menu “Partecipazione studio associato”, utilizzando il seguente percorso: “Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione Separata ” > “Partecipazione a studio associato”; cliccando sull'apposita voce, compare una schermata nella quale inserire la partita IVA dello studio associato o della società semplice; saranno visualizzate, se presenti, le partecipazioni del soggetto a uno o più studi associati o società semplici, con l'indicazione degli intervalli temporali (“Data Inizio” e “Data Fine”).

Inserendo la data fine, la partecipazione allo studio associato o alla società semplice corrispondente risulterà chiusa.

La nuova funzione permette, anche ai fini del DURC, l'aggiornamento della posizione anagrafica e, di conseguenza, l'aggiornamento della posizione assicurativa.

È stata inoltre inserita una nuova funzione all'interno del menu “Domande telematizzate”, presente nel Cassetto previdenziale, denominata “Domande di rimborso”, che consente l'invio di una domanda di rimborso, sostituendo la precedente modalità presente tra i servizi web per il cittadino.

La funzione permette:

- l'inserimento automatico dell'istanza di rimborso tra le domande da lavorare da parte delle Strutture territorialmente competenti;

- la verifica puntuale dello stato dell'iter del rimborso.

Si accede alla funzione mediante la voce di menu “Domande di rimborso”, utilizzando il seguente percorso: “Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione Separata” > “Domande Telematizzate” > “Domande di rimborso”.

Il professionista, all'interno della domanda, deve indicare:

- l'anno di rimborso, ossia l'anno di imposta in cui è maturato il credito a disposizione (visualizzabile dalla funzione “situazione riepilogativa”);

- la motivazione del rimborso (ad esempio, eccedenza di massimale oppure errato versamento, ecc.);

- l'indirizzo PEC;

- il codice IBAN, tale informazione è obbligatoria in quanto non è possibile rimborsare con assegno domiciliato;

- l'importo del rimborso (l'importo disponibile può essere verificato dalla funzione “situazione riepilogativa”).

Dopo aver inserito i dati, la domanda deve essere acquisita mediante il pulsante “Acquisisci” per poter generare il numero di protocollo dell'istanza.

Per ogni anno d'imposta deve essere presentata una distinta domanda di rimborso, essendo necessario effettuare specifici controlli.

Infine, tramite la nuova funzionalità “PEC e Contatti” il professionista o l'intermediario può aggiornare i contatti.

Alla funzionalità “PEC e Contatti” è possibile accedere dalla voce di menu “Anagrafica Soggetto”, mediante il seguente percorso: “Cassetto previdenziale per i liberi professionisti della Gestione Separata” - “Anagrafica Soggetto”.

Dal menu, selezionando la voce “Anagrafica Soggetto”, vengono visualizzate informazioni di dettaglio relative al soggetto e, mediante il tasto “Modifica”, la procedura restituisce una maschera che consente di inserire o modificare i dati presenti.

L'aggiornamento avverrà dopo aver selezionato l'apposito tasto “Aggiorna”.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il manuale operativo (All. 1).

(Fonte: mementopiu.it)

 



Qui il messaggio INPS del 31 luglio 2020, n. 3019

Qui il manuale operativo