POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 20 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

pubblico impiego  | 03 Agosto 2020

Agente di polizia penitenziaria aggredita da una detenuta: è vittima del dovere?

di La Redazione

Circa la definizione di ordine pubblico, agli effetti delle provvidenze previste per le vittime del dovere, la Cassazione chiarisce che il comma 563 dell’art. 1 l. n. 266/2020 non prevede la presenza di un rischio specifico diverso da quello insito nelle ordinarie funzioni istituzionali, bastando anche soltanto che l’evento dannoso si sia verificato nel contrasto di ogni tipo di criminalità o nello svolgimento di servizi di ordine pubblico.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 16571/20; depositata il 31 luglio)

Così con sentenza n. 16571/20 depositata il 31 luglio.   La Corte d’Appello confermava la decisione di primo grado che aveva riconosciuto i benefici previsti per le vittime del dovere alla agente di polizia penitenziaria per...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.