POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

lavoro subordinato | 29 Luglio 2020

Troppe assenze per malattia, l’azienda chiede una verifica medica: legittimo il rifiuto del dipendente

di Attilio Ievolella

Vittoria per il dipendente che vede riconosciuto il proprio diritto a riavere il lavoro. Priva di fondamento l’azione dell’azienda, che aveva licenziato il lavoratore solo perché quest’ultimo si era rifiutato di sottoporsi a delle verifiche mediche sulla veridicità delle malattie che spesso – 60 giorni in 10 mesi – lo avevano obbligato a rimanere a casa.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 16251/20; depositata il 29 luglio)

60 giorni di assenza in appena 10 mesi, e tutti piazzati a ridosso dei week-end o abbinati a periodi di ferie. Il comportamento del lavoratore insospettisce l’azienda, che ipotizza ci si trovi di fronti a malattie finte – nonostante i certificati...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.