POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 10 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

pubblico impiego  | 29 Maggio 2020

Quando sorge il diritto a percepire il compenso da attività incentivata?

di Francesca Siccardi

«Il diritto a percepire l’incentivo per la progettazione di cui all’art. 18 L. 109/1994 nasce quale conseguenza della prestazione dell’attività incentivata, nei limiti stabiliti dalla contrattazione decentrata e dal Regolamento adottato dall’amministrazione. L’omesso avvio della procedura di liquidazione o il suo non completamento non impediscono l’azione di adempimento, che il dipendente può proporre una volta che siano vanamente spirati i termini di cui alla fonte regolamentare».

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 10222/20; depositata il 28 maggio)

Tanto ha affermato la Suprema Corte, con sentenza n. 10222/20, facendo chiarezza sul tema dell’esigibilità del compenso incentivante.   Vari dipendenti della Provincia di Milano hanno proposto diversi ricorsi, poi riuniti...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.