POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

previdenza | 02 Agosto 2019

Riscatto TFR e TFS: trasmissione telematica delle istanze

di La Redazione

Gli utenti e i datori di lavoro hanno a disposizione un nuovo applicativo per la gestione del riscatto del TFS e del TFR. (Messaggio INPS del 31 luglio 2019, n. 2939).

A decorrere dal 29 luglio 2019, sul sito INPS è disponibile l’applicativo che consente all’utente e all’ente datore di lavoro l’inoltro di istanze telematiche relative ai riscatti ai fini del TFS e del TFR (Mess. INPS 31 luglio 2019 n. 2939).

 

Istanze. Si potrà attivare la Scheda prestazione “Riscatti TFS e TFR” selezionando la voce “Prestazioni e Servizi”. Le istanze già inoltrate sono accessibili alla voce di Menu “Consultazione domande inoltrate”, mentre il manuale è consultabile nella apposita sezione “Manuali”.
I nuovi servizi sono accessibili utilizzando il PIN dispositivo, la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o il Sistema Pubblico Identità Digitale (SPID).
Per il cittadino sono disponibili le seguenti funzionalità:
- domanda di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per i dipendenti di enti locali e sanità);
- richiesta di anticipata estinzione delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR;
- richiesta di esonero dal pagamento delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR;
- rinuncia al riscatto ai fini TFS/TFR;
- simulazione del calcolo dell’onere di riscatto.
Per i datori di lavoro le funzionalità sono le seguenti:
- domanda di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per le amministrazioni statali);
- richiesta di anticipata estinzione delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR;
- richiesta di esonero dal pagamento delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR;
- nuova domanda di riscatto ai fini TFS/TFR a rettifica della precedente già inoltrata (solo per le amministrazioni statali).

 

(Fonte: lavoropiu.info)



Qui il messaggio dell’INPS del 31 luglio 2019, n. 2939