POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 19 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

rapporti di lavoro | 17 Giugno 2019

Non sempre la nullità del termine dà diritto all’indennità risarcitoria

di Mario Scofferi - Orrick, Herrington & Sutcliffe

Il riconoscimento del danno forfettizzato dall'art. 32, comma 5, del c.d. Collegato lavoro, poiché destinato a compensare il danno costituito dal periodo c.d. intermedio, ossia quello successivo alla scadenza del termine e fino alla sentenza che ne accerta la nullità, presuppone sia l'esistenza di un periodo intermedio da risarcire, sia l'esistenza di una sentenza che, oltre a dichiarare la conversione ab initio del rapporto a termine in rapporto di lavoro a tempo indeterminato, disponga la riammissione in servizio del lavoratore.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 16052/19; depositata il 14 giugno)

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 16052 depositata il 14 giugno 2019.   Il caso. Il Tribunale di Gorizia, con pronuncia successivamente confermata dalla Corte d’Appello di Trieste,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.