POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 27 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

licenziamento | 20 Maggio 2019

Accoglie una donna in difficoltà in locali in disuso: licenziato

di Attilio Ievolella

Inutile il ricorso proposto da un ex capostazione. Definitivo il suo licenziamento. Fatale la decisione di avere dato ospitalità, di nascosto, per qualche notte a una donna straniera in alcuni locali in disuso all’interno della stazione. L’intento umanitario del lavoratore non rende meno grave, secondo i Giudici, la condotta, catalogata come indebito utilizzo di beni aziendali.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 13420/19; depositata il 17 maggio)

Cara può costare l’umana solidarietà, finanche un posto di lavoro. A sperimentarlo sulla propria pelle un capostazione – oramai ex –, finito sotto accusa perché beccato a far pernottare di nascosto una donna straniera...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.