POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 25 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

lavoro subordinato | 15 Marzo 2019

Dimissioni da contratto a termine: “chi va via, perde il posto all’osteria”

di Martina Tonetti - Avvocato

Le dimissioni di un lavoratore da un contratto a tempo determinato, facente parte di una sequenza di contratti similari succeduti nel corso degli anni, esplica i propri effetti anche con riferimento al rapporto di lavoro a tempo indeterminato accertato dal Giudice con sentenza dichiarativa di nullità del primo dei contratti a termine; gli effetti delle dimissioni infatti non sono limitati alla sola anticipazione della data di scadenza del rapporto a termine, ma si estendono al rapporto a tempo indeterminato, frutto della conversione.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 7318/19; depositata il 14 marzo)

Questa la netta decisione espressa dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 7318/2019, depositata il 14 marzo 2019.   Il caso. Per ben due volte, un dipendente della RAI rassegnava le proprie dimissioni dai contratti a termine che si...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.