POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 25 aprile 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

rapporto di lavoro | 11 Febbraio 2019

Il forte conflitto tra sindacati e azienda giustifica l’inadempimento di alcuni dipendenti

di La Redazione

Sotto accusa quattro autisti di una società di trasporto pubblico. A loro viene contestato di avere omesso volontariamente il controllo dei biglietti. Alla luce dell’aspro conflitto sindacale, però, i Giudici ritengono illegittima la sanzione adottata dall’azienda e consistita nella sospensione dal lavoro e dalla retribuzione.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 3896/19; depositata l’11 febbraio)

Tensione altissima tra lavoratori e azienda – operativa nel settore del trasporto pubblico –. Ne è un esempio la scelta di alcuni dipendenti che, inquadrati come autisti, hanno volontariamente omesso di effettuare sul veicolo da...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.