POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

privacy | 11 Febbraio 2019

Reddito di cittadinanza e tutela della privacy: alcune osservazioni del Garante

di La Redazione

Dal Presidente del Garante per la protezione dei dati personali arrivano alcune attente osservazioni, sotto il profilo della tutela della privacy, nell’ambito del d.l. n. 4/2019 recante disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e pensioni.

Rdc e protezione dei dati personali. Innanzitutto sottolinea il Garante privacy che il meccanismo di riconoscimento, erogazione e gestione del reddito di cittadinanza (Rdc) comporta trattamenti sui dati personali dei soggetti interessati alla misura. «Si tratta, in particolare, dei dati relativi allo stato di salute e alla eventuale sottoposizione a misure restrittive della libertà personale», prosegue il Presidente.
Il trattamento dei dati deve essere impostato secondo i principi del regolamento europeo sulla protezione dei dati. E così come formulato il Rdc sembra non essere idoneo a soddisfare i requisiti richiesti dal summenzionato regolamento europeo in materia di tutela della privacy, poiché il decreto contiene disposizioni inidonee a definire chiaramente le modalità di svolgimento delle procedure di consultazione delle varie banche dati.
Numerose criticità ci sono anche con riferimento all’utilizzo della carta Rdc da parte degli interessati beneficiari.
Inoltre, sono fonte di perplessità anche alcune disposizioni sulla disciplina del rilascio delle attestazioni ISEE, poiché potrebbero pregiudicare la sicurezza dei contenuti nell’anagrafe tributaria e nell’archivio dei rapporti finanziari dell’Agenzia delle Entrate.
Infine, a rischio, secondo il Garante privacy, è anche il sito web del Governo, dedicato appunto al Rdc, in quanto rivela carenze con riferimento al trattamento dei dati.
A tal proposito è necessario adottare misure tecniche idonee ad attuare in modo efficace i principi di protezione dei dati personali, «integrando nel trattamento le necessarie garanzie per ridurne i rischi a tutela dei i diritti dei cittadini».