POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

privacy | 07 Febbraio 2019

Disegno di legge contro l’assenteismo: per il Garante servono maggiori garanzie

di La Redazione

Si è tenuta ieri, 6 febbraio, l’audizione del Presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali, Antonello Soro, in merito al disegno di legge C. 1433 recante interventi per la concretezza delle azioni della pubblica amministrazione e prevenzione dell’assenteismo.  

Il disegno di legge C. 1433 è all’esame delle Commissioni riunite I (Affari Costituzionali) e XI (Lavoro) della Camera dei Deputati, presso le quali si è svolta ieri l’audizione del Presidente del Garante privacy, Antonello Soro che ha sottolineato l’importanza del canone di proporzionalità. Si tratta di un «criterio regolativo essenziale nello svolgimento del trattamento, da parte del titolare, per quanto concerne in particolare la scelta sulla portata e le modalità del trattamento stesso», nonché di un «parametro generale di legittimità delle limitazioni del diritto alla protezione dati, da osservare - in conformità ai canoni di cui al 52 della Carta di Nizza - anche in sede di esercizio del potere legislativo».

 

Le osservazioni del Garante. Il disegno di legge prevede per tutte le pubbliche amministrazioni l’introduzione di sistemi di verifica biometrica dell’identità e di videosorveglianza degli accessi in sostituzione dei diversi sistemi di rilevazione automatica, attualmente in uso, ai fini della verifica dell'osservanza dell'orario di lavoro. Nonostante la previsione inerente il rispetto dei principi di proporzionalità, non eccedenza e gradualità, tale previsione normativa, afferma il Presidente Soro, «deve ritenersi incompatibile con tali principi, laddove intenda– come parrebbe dato il tenore letterale – continuare a configurare la rilevazione biometrica -unitamente peraltro alle videoriprese- quale obbligatoria in ogni pubblica amministrazione. Infatti, non può ritenersi in alcun modo conforme al canone di proporzionalità l’ipotizzata introduzione sistematica, generalizzata e indifferenziata per tutte le pubbliche amministrazioni, di sistemi di rilevazione biometrica delle presenze, in ragione dei vincoli posti dall’ordinamento europeo per l’invasività di tali forme di verifica e le implicazioni proprie della particolare natura del dato».
Si rende dunque necessario modificare il testo normativo prevedendo espressamente l’alternativa tra la rilevazione biometrica e le videoriprese, oltre che l’ammissibilità della rilevazione biometrica in presenza di fattori di rischio specifici ovvero di particolari presupposti quali, ad esempio le dimensioni dell’ente, il numero dei dipendenti coinvolti, la ricorrenza di situazioni di criticità anche in relazione al contesto ambientale.

 



Qui il testo integrale dell’audizione del Presidente Antonello Soro