POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

rapporti di lavoro | 15 Gennaio 2019

Lavori socialmente utili: gli incentivi previsti dalla Legge di Bilancio 2019

di La Redazione

Il Ministero del Lavoro, attraverso la circolare dell’11 gennaio 2019, n. 1, fornisce chiarimenti in merito all’assunzione dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità e alle relative procedure di stabilizzazione previste dalla l. n. 145/2018.  

L’art. 1, comma 446, lett. h) l. n.145/2018 prevede la proroga fino al 31 ottobre 2019 delle convenzioni e degli eventuali contratti a tempo determinato, da parte di enti territoriali e degli enti pubblici interessati, di lavoratori socialmente utili.
La norma si applica esclusivamente a:
- lavoratori socialmente utili ex art. 2, co. 1 D.Lgs. n. 81/2000;
- lavoratori di pubblica utilità ex art. 3, co. 1 D.Lgs. n. 280/1997.
L’art. 1, commi 447 e 448 l. n.145/2018 dispone in materia di procedure di stabilizzazione del personale.
Tali disposizioni non si applicano per le assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori socialmente utili ex art. 2, comma 1 d.lgs. n. 81/2000, incentivate con le risorse del Fondo Sociale per Occupazione e Formazione, mentre si applicano alle assunzioni indeterminate dei LLSUU.

(Fonte: lavoropiu.info)

 

 



Qui la circolare dell’11 gennaio 2019 del Ministero del Lavoro n. 1