POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 14 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

notificazioni | 12 Settembre 2018

Manca la firma del giudice sulla copia autentica: decreto ingiuntivo inesistente?

di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

Posto che elemento essenziale dell’autenticazione della copia di un titolo esecutivo è l’attestazione della sua conformità all’originale, la mancanza dell’abbreviazione “f.to” non può incidere su quell’elemento, con la conseguenza che la mancanza stessa si traduce in una semplice irregolarità inidonea a rendere invalido l’atto quando non venga in discussione che esso sia conforme all’originale e che tale originale contenga la sottoscrizione autografa del magistrato.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 22077/18; depositata l’11 settembre)

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 22077/18; depositata l’11 settembre.   Il caso. La pronuncia in commento trae origine da un giudizio di opposizione allo stato passivo promosso dal creditore escluso dal passivo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.