POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

privacy | 11 Maggio 2018

Lecite le registrazioni audio e video da parte dei dipendenti in ambiente lavorativo

Bilanciamento fra il diritto alla privacy ed il diritto di difesa

di Mauro Alovisio - Avvocato

La Cassazione approfondisce il tema dell’impatto delle registrazioni audio in ufficio all’insaputa dei colleghi sotto il profilo della normativa in materia di protezione dei dati personali e richiama l’attenzione sulle definizioni contenute nel codice in relazione al concetto di dato (che ricomprende anche l’immagine e la voce), protezione dei dati, trattamento e sull’istituto del consenso al trattamento.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 11322/18; depositata il 10 maggio)

Sul tema si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza 11322/18, depositata il 10 maggio. Il caso. Un dipendente registrava all’insaputa dei colleghi le conversazioni in ufficio al fine di precostituirsi una prova per tutelare...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.