POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 19 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

infortunio sul lavoro | 13 Marzo 2018

Responsabilità del datore di lavoro per danni da cose in custodia

Secondo il combinato disposto degli artt. 2051 e 2087 c.c., sussiste una responsabilità del datore di lavoro per i danni subiti dal lavoratore da cosa che il datore di lavoro ha in custodia, con il conseguente obbligo di vigilanza e controllo sulla stessa, sempre che sia stato accertato il nesso eziologico tra il danno stesso e l’ambiente ed i luoghi di lavoro e salva la prova del caso fortuito.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 5957/18; depositata il 12 marzo)

E’ il principio affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 5957/18, depositata il 12 marzo. Il caso. Il Tribunale di Udine veniva adito da un lavoratore per ottenere la condanna del datore di lavoro al risarcimento dei danni subiti...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.